Anosmia e iposmia: cause, rimedi naturali e cure omeopatiche

L’anosmia, o iposmia, è il termine scientifico che indica la diminuzione o assenza completa dell’olfatto. Una condizione che può verificarsi a causa di diversi fattori ma che può dipendere anche da alcune malattie nasali come la poliposi nasale o l’ipertrofia dei turbinati nasali, la deviazione del setto o ancora da lesioni dei centri nervosi interessati o alterazioni a livello recettoriale.

Nello specifico le varie cause sono distinte in ostruttive e neurosensoriali: le prime impediscono agli odori di raggiungere l’area olfattiva, mentre le seconde fanno riferimento ai danni che possono subire le cellule olfattive o le strutture nervose, come il nervo o l’area cerebrale olfattiva. Per identificare le cause dell’anosmia occorre sottoporre il soggetto che non avverte gli odori ad una serie di esami attraverso i quali identificare i fattori scatenanti; tra i test da eseguire c’è l’olfattometria, un esame durante il quale al paziente vengono fatte odorare alcune sostanze che stimolano i sensori olfatti associati ad altre sensazioni, con questo esame si stima la riduzione o assenza di olfatto ma non si può diagnosticare la causa del sintomo.


Un altro esame è quello endoscopico, che viene considerato il più sicuro in questi casi, ed è eseguito con l’endoscopio, uno strumento che presenta  delle fibre ottiche molto sottili. Con quest’ultimo esame si può osservare il meato supremo, ossia la zona superiore del naso, per verificare l’eventuale presenza di ostacoli meccanici o piccoli polipi, anche se è impossibile visionare tutte le parti del naso con questo esame. Per esaminare tutta l’area occorre sottoporre il paziente a delle analisi radiologiche come la TAC dei seni paranasali o la risonanza magnetica. Un altro esame per valutare la funzionalità del naso è la rinomanometria che indica la resistenza delle narici al passaggio dell’aria: se la causa è di tipo ostruttivo, una volta rimossa, è possibile recuperare l’olfatto, se dipende da un danno neurosensoriale risulta più difficoltoso recuperare la capacità sensoriale.

Qualora l’anosmia sia dovuta ad ostruzioni come polipi nasali di piccole dimensioni, ma anche nella profilassi e nelle recidive, le cure omeopatiche risultano efficaci.

Tra i rimedi omeopatici consigliati per le forme acute sono indicati

  • la sanguinaria canadensis,
  • la sanguinaria nitrica,
  • phosforus,
  • cadmium sulfuricum,
  • ma anche omeosicotici, omeoluesinici, tubercolinici.

Se tra le cause dell’anosmia c’è invece il raffreddore tra i rimedi omeopatici ci sono

  • Aconitum 9 CH,
  • Allium cepa 15 CH,
  • Nux vomica 9 CH.

Per risolvere il problema dell’anosmia viene consigliata anche l’agopuntura, la fitoterapia e l’uso di olii essenziali di eucalipto, bergamotto, pepe nero, pino.



12 thoughts on “Anosmia e iposmia: cause, rimedi naturali e cure omeopatiche

  1. mi scusi molto perfavore ho 50 ani ma da picollo non sento ni odore ni profume si lei ha un consiglio grazie molto

  2. Buongiorno, soffro da oltre un anno di questo fastidioso disturbo. Come richiestomi dall’ootrinolaringoiatra ho fatto radiografia al massiccio facciale e l’ho fatto visionare dallo specialista in …………… il quale non mi ha riscontrato nessuna anomalia. Sono ritornato dall’otorino, il quale,anche lui non ha trovato nessuna anomalia, mi ha consigliato di allenarmi!!!!. RingraziandoVi per una cortese risposta, gradite i più cordiali saluti.

  3. Purtroppo questo disturbo non è ben classificabile e soprattutto le cause scatenanti non si riescono ad identificare in modo certo, per cui risulta essere difficile capire da cosa derivi il problema ed il modo in cui intervenire per cercare di eliminarlo in modo definitivo. Il consiglio di allearsi puo’ sembrare strano ma può avere ottimi risultati. L’ideale è sempre rivolgersi ad uno specialista che potrà seguire ogni caso individualmente.

  4. Damolti anni nonavverto più alcun odore e vorre chidere se questo può provocare ulteriori danni

  5. Ho sofferto di anosmia nel 2011 fino al 2014, non sentivo più se lasciavo il cibo sul fuoco! Risalii alla causa e ricordai che purtroppo poteva essere che mio marito beveva, fui costretta psicologicamente a non voler sentire l’odore dell’alcool. Andai dal neurologo mi disse che non sarei più guarita e che era come se avessi subìto un fortissimo shock e che non avrei più percepito gli odori. Ho constatato che alcuni farmaci che prendevo per la depressione mi ostacolavano la guarigione. Li eliminai e anche l’altro problema con la separazione e mi ritornò così la sensibilità agli odori!!!

  6. Ciao Fanny ci fa molto piacere aver letto la tua storia, grazie per aver condiviso con noi la tua esperienza. Siamo felici che tutto si sia risolto nel modo migliore e che tu abbia ripristinato la sensibilità agli odori.

  7. Buongiorno! Io ho subito un trauma cranico 4 mesi fa e da allora per la colpa della caduta il nervo del olfato ha perso di volume allora nn sento piu’ nulla, neanche il sapore! Purtroppo mi hanno detto che sara’ dificile recuperarlo! Ma io spero che con il tempo di riprendermi! Questa cosa mi ha cambiato la vita.. C’e’ qualche possibilita’ di riaquistarlo con il tempo?

  8. Buon giorno, da quasi un anno non sento quasi totalmente odori e gusto , mi sono sottoposta a visita otorino e fatto anche una rinoscopia. L’esame non rivela nulla . questo avviene soprattutto al risveglio, pur non essendo raffreddata. Inoltre, tutto questo è accompagnata una voce nasale , malgrado le vie respiratorie sino libere.desidererei un suo parere, grazie

  9. Buon giorno, da qualche mese non sento quasi totalmenet gli odori e gusto, ho avuto una forte influenza
    che mi ha lasciato questo disturbo ,come posso risolvere il problema senza andare dall’otorino ?
    grazie.

  10. Buongiorno da circa tre mesi purtroppo qualsiasi tipo odori ci sia io sento sempre lo stesso ci sono rimedi grazie.

  11. POtrebbero essere sintomi temporanei, comunque la cosa migliore è farsi visitare dal proprio medico di fiducia e chiedere un parere medico previa visita accurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.