Obake: un display touchscreen con lo schermo elastico

Obake è un nuovissimo e innovativo schermo elastico che è stato appena presentato al MIT Media Lab di Boston. È un display touchscreen che potrebbe consentire una interazione tridimensionale con tablet e smartphone. Obake è il nome di un demone giapponese, quello che cambia la sua forma.

Per ora lo schermo elastico Obake è solo un prototipo che promette sviluppi futuri a dir poco esaltanti, è stato costruito in silicone elastico e può anche essere pizzicato con le dita o manipolato per dargli la forma che si desidera.


I sensori sono integrati nel silicone e reagiscono al tocco delle dita come se si toccasse una superficie morbida e dotata di flessibilità.

Funziona tramite delle telecamere e dei video proiettori che rendono reali i gesti delle dita sullo schermo.

Al MIT di Boston è stata fatta solo una presentazione del prototipo che risulta ancora piuttosto complesso nella realizzazione.

Le immagini, infatti, vengono proiettate su uno schermo elastico in silicone che le interpreta mediante sensori 3D e si modifica nella forma di conseguenza.

È comunque una grande idea che può e deve essere ulteriormente studiata, migliorata e approfondita perche potrebbe avere applicazioni interessanti sia in ambiti scientifici che scolastici grazie alle simulazioni che con essa si potrebbero ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.